Questa volta è vero: Verdi arriva al Napoli. “Orgoglioso della scelta fatta”. E’ costato oltre 20 milioni

E alla fine arriva Verdi. Dopo un lungo corteggiamento, iniziato addirittura la scorsa estate, il calciatore cresciuto calcisticamente nel Milan ha accettato Napoli come futura destinazione. Dopo l’ammissione di De Laurentiis, avvenuta qualche giorno fa, ieri sera il giocatore è uscito allo scoperto, al termine del match amichevole tra Italia e Olanda: “Trasferimento al Napoli? Sono stato coerente, a gennaio volevo finire il percorso col Bologna. Non era un no alla città di Napoli, lo dimostra il fatto che abbia accettato la proposta del Napoli in questa sessione. Ancelotti? Ci siamo parlati, ma è stata una chiacchierata informale”.

Giocatore poliedrico, il suo ruolo naturale è quello di ala destra, con caratteristiche molto diverse da quelle di Callejon: Verdi è un calciatore più offensivo, sa saltare l’uomo nello stretto ed è un ottimo assist man. Oltre a vedere anche bene la porta: in 34 partite dell’ultima stagione a Bologna, ha messo a segno 10 gol e servito ben 10 assist vincenti. E’ inoltre uno specialista dei calci piazzati, aspetto molto importante per il Napoli, che avrà così un’altra freccia al proprio arco insieme ad Insigne, Ghoulam e Mertens.

De Laurentiis avrebbe voluto portarlo in azzurro già a gennaio, ma pur avendo trovato l’accordo con il Bologna, dovette scontrarsi con il rifiuto del calciatore a trasferirsi a metà stagione. Un rifiuto che molti interpretarono male, addebitandolo alla corte serrata dell’Inter e paventando un accordo già raggiunto con il club nerazzurro. Nei giorni scorsi poi, il presidente aveva associato il mancato arrivo di Verdi a gennaio alla paura, da parte del calciatore, di non trovare spazio con Sarri. Anche su questo punto però, Verdi è stato chiaro ieri sera: “Conosco Sarri da Empoli, ero già abituato ai suoi metodi di lavoro e alla sua idea di calcio. No, vi posso assicurare che a gennaio scelsi di rimanere a Bologna anche per un senso di gratitudine – mi avevano comprato dopo la retrocessione con il Carpi – oltre che per concludere al meglio il mio percorso di crescita”. Il giocatore è costato al Napoli 20 milioni di euro, ai quali ne andranno sommati altri tre in caso di qualificazione alla Champions League, e altri due se gli azzurri dovessero vincere il campionato.

A Napoli ritroverà Insigne, suo compagno in Nazionale: “Conosco Lorenzo da tempo. E’ un grande giocatore, lo dimostra da anni. Sono stato contento che abbia portato la fascia di capitano dell’Italia nel giorno del suo compleanno”. Ora avrà modo di giocarci insieme anche al San Paolo. due funamboli, uno a destra e uno a sinistra. Un mal di testa potenziale per tutti gli avversari.

Vincenzo Balzano

 

 

Sarri? L’ho avuto ad Empoli, già conoscevo i suoi metodi, ma non è stato un no a nessuno, ma un sì al Bologna per finire lì perché mi avevano dato fiducia dopo la retrocessione con il Carpi”.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche: