Il Napoli sta per mettere a segno il miglior affare degli ultimi 20 anni

La trattativa che porterà Jorginho al Manchester City è ormai sul rettilineo finale. La distanza tra la domanda e l’offerta si è ridotta al minimo: il Napoli chiede 55 milioni per privarsi del centrocampista italo-brasiliano, gli inglesi ne offrono 53. L’ultimo rilancio avverrà nei prossimi giorni, e l’avventura di Jorginho in azzurro segnerà i titoli di coda. Al momento però, nessuno si strappa i capelli per la cessione del calciatore. Anzi.

Pensate un po’: il Napoli sta per mettere a segno quello che si può definire senza ombra di dubbio l’affare del secolo. La vendita del centrocampista genererà infatti una plusvalenza di ben 46 milioni di euro: il club partenopeo lo pagò in totale, 9 milioni per strapparlo al Verona. Soldi freschi che entreranno nelle casse del Napoli quindi, l’operazione registra il terzo posto dietro le cessioni di Higuain (che generò una plusvalenza di 50 milioni di euro) e di Cavani (che generò una plusvalenza di 47 milioni di euro. Ma dalle partenze dei due attaccanti, si sapeva benissimo che il club avrebbe guadagnato tanto. Potenza dei gol, certo. E proprio per questo motivo l’applauso più grande va a Maurizio Sarri, insieme al merito di aver sempre considerato Jorginho un elemento imprescindibile del suo Napoli. E il giocatore lo ha ripagato con prestazioni e annate di valore sempre crescente, fino alla definitiva consacrazione dell’ultima stagione, che ha mostrato un calciatore bravo in entrambe le fasi, eccellente nel cucire il gioco, nel velocizzarlo e nel rallentarlo quando serve: una crescita che lo ha portato a vestire, ormai in pianta stabile, anche la maglia della Nazionale italiana. Guardiola è letteralmente pazzo di lui: è stato il primo nome della lista dei rinforzi presentata ai dirigenti del Manchester City.

Il Napoli dunque, lo cederà nemmeno troppo a malincuore. Ancelotti ha un modo di intendere il calcio diverso: nel suo 4-2-3-1 la cerniera di centrocampo deve essere formata da due giocatori estremamente fisici, che sappiano poi anche far girare la squadra. In quest’ottica, Jorginho avrebbe potuto far fatica esattamente come avveniva con Benitez, a sua volta un fautore dello stesso schema che Ancelotti vuole riproporre a Napoli. Tutti felici e contenti dunque, con la consapevolezza che andrà via un giocatore molto importante, questo e certo, ma tutt’altro che insostituibile. E con il ricavato della sua cessione il club potrà tuffarsi sul mercato con rinnovato vigore, per consegnare al nuovo tecnico una rosa estremamente competitiva anche laddove non lo era nelle passate stagioni.

Vincenzo Balzano

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche: