Collezionare maglie da calcio: cosa spinge a farlo? Hobby o passione?

A volte ce li immaginiamo come dei piccoli nerd alla ricerca del cimelio perduto. Rintanati dietro uno schermo ed una tastiera. A smanettare su forum specializzati per confrontarsi su dettagli, caratteristiche, peculiarità che potrebbero aiutare a capire loro se si tratta di un buon affare o meno. Pronti a fare di tutto per aggiudicarsi il tanto atteso oggetto prezioso. Benvenuti nel mondo dei collezionisti delle maglie da calcio. Quelli pronti a macinare km pur di arricchire la propria raccolta. Ma cosa spinge realmente a farlo? Dipende. C’è chi lo fa per ricostruire, attraverso le maglie, un pezzo di storia della propria squadra del cuore. O di quelle che considera più forti. O ancora dei singoli giocatori al di là del club di appartenenza. Chi per associare ad ognuna di esse momenti importanti della propria vita da tifoso. Chi per puro e semplice hobby. Chi per entrare a far parte di una cerchia di persone animate dalla stessa passione. Chi solo per metterle in mostra, magari attraverso un proprio blog personale. Insomma, le motivazioni potrebbero essere le più disparate, ma ciò che le accomuna è sicuramente l’orgoglio, la soddisfazione, il piacere che si prova nel farlo.

Match Worn, Match Issued, Official Store e Thai

 

La terminologia quando si ha a che fare con i veri collezionisti è fondamentale. Trattare una maglia Match worn o una Match issued sono cose completamente diverse. Sia per storia che per valore. Ma quali sono le differenze? Una Match worn è una maglia indossata realmente dal calciatore durante una partita e più ha segni da campo o macchie da gioco più è autentica. Una Match issued o comunemente conosciuta come “maglia preparata” o “da magazzino”, è la maglia a disposizione del giocatore in sostituzione di quella entrata in campo. Questa si differenzia dalle worn per l’aspetto pulito e perfetto, difficilmente mantenuto in una divisa utilizzata su campo. Una Official store, è una maglia ufficiale, molto simile a quella indossata su campo, ma con caratteristiche diverse come, ad esempio, la percentuale di composizione dei tessuti o il paese di produzione. La Thai, invece, è una replica della maglia prodotta in Thailandia o in qualche altro paese asiatico. È riprodotta talmente tanto bene in ogni dettaglio da sembrare autentica, quindi occhio alle truffe.

Come essere sicuri di aggiudicarsi la maglia migliore?

 

Sicuramente il primo passo è crearsi una buona rete di contatti. Le referenze e la serietà del venditore poi possono fare la differenza. Quando invece si decide di partecipare alle aste on line bisogna fare molta attenzione ai fake, ai mercanti di fumo e ai dispensatori di belle storie inventate.

In realtà ogni collezionista che si rispetti prima di procedere all’acquisto, fa approfondimenti su riviste sportive, confronta la maglia con immagini e video d’epoca e studia con certosina pazienza ogni minimo dettaglio. In pratica bisogna mantenere sempre il sangue freddo, non lasciarsi accecare dall’entusiasmo di pensare di avere tra le mani la maglia del secolo e mai fare acquisti d’impulso. Basta poco, no?

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche:

TAGS: ,