Rialzarsi subito e non snobbare l’Europa League: inizia la missione Villarreal

Sconfitto nel risultato, non nella prestazione. Allo Juventus Stadium il Napoli non ha abbandonato le sue velleità di primato, tutt’altro. Le ha solo rimandate: lunedì sera con il Milan bisognerà ricominciare il cammino e magari sperare che venerdì da Bologna arrivi un regalo targato rossoblu.

Intanto però, c’è l’impegno di Europa League da affrontare. Una partita tutt’altro che semplice: nell’andata dei sedicesimi di finale, gli azzurri affronteranno giovedì sera il Villarreal del tecnico Marcelino, che è quarto in classifica nella Liga alle spalle delle tre, inattaccabili, big: Barcellona, Real ed Atletico Madrid. Una brutta gatta da pelare per il Napoli di Sarri, che ieri è tornato in campo a Castel Volturno: prima dell’allenamento, il tecnico ha tenuto a rapporto la squadra per 45 minuti. Un confronto, nessuna accusa: hanno preso la parola anche i giocatori più rappresentativi del gruppo, per cercare di capire cosa non ha funzionato a Torino e soprattutto per inculcare nei più giovani la convinzione che nulla è perduto. Anzi.

Al Madrigal il Napoli dovrà, nei limiti del possibile, fare la sua partita al cospetto di un avversario forte tecnicamente e nel gruppo, che esprime un ottimo calcio e che renderà difficile la vita agli azzurri. L’obiettivo è quello di giocarsi la qualificazione al San Paolo il giovedì successivo, ipotecare già dopodomani il passaggio agli ottavi sembra un obiettivo troppo ambizioso, anche se alla portata. É presto ancora per capire quali saranno gli undici a scendere in campo, ma una cosa è certa: Sarri farà turnover, e le rotazioni, questa volta, potrebbero toccare anche Gonzalo Higuain.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche:

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment