L’altra faccia della medaglia. Per Gabbiadini occasione d’oro: è un treno da prendere al volo

Un’occasione d’oro. A causa della squalifica di Higuain, Manolo Gabbiadini ha la possibilità di giocare finalmente titolare e di farlo con continuità, per dimostrare ancora una volta il suo valore, speriamo solamente dimenticato per colpa delle vicende di questa stagione.

Perché dal punto di vista tecnico l’attaccante bergamasco non può essere messo in discussione. L’ha dimostrato negli anni precedenti, e anche in questa stagione quando ha potuto e quando è stato assistito dalla giusta condizione fisica. Si è infortunato in Nazionale, ad ottobre, e la distorsione alla caviglia è stata più grave del previsto, soprattutto perché ha condizionato il calciatore nel suo momento di crescita maggiore. Ci ha messo tempo per rientrare e per rimettersi al passo con i compagni. Sarri è stato molto chiaro a tal proposito, già qualche settimana fa: “Gabbiadini sarà molto utile in questo finale di stagione. Sta ritrovando la sua forma migliore, l’infortunio lo ha frenato oltremodo”. E ora l’occasione che non si aspettava: giocare titolare almeno per tre partite consecutive (in attesa del ricorso sulla squalifica di Higuain).

L’altra faccia della medaglia di questa vicenda assume dunque il volto di Manolo Gabbiadini. E tutto l’ambiente ora dovrà essere bravo a non caricarsi di troppe aspettative: attendersi dall’attaccante bergamasco quello che fa Higuain, sarebbe un errore gravissimo. Tralasciando il fatto, appurato, che il Pipita è più forte, Gabbiadini deve dimostrare quello che è: qualcosa di diverso. E in questo dovrà essere bravo Sarri a indottrinare la squadra sulle caratteristiche di Manolo; bravo ad attaccare la profondità, e quindi da servire soprattutto in velocità. Non solo: serviranno molti più traversoni dalle corsie esterne per sfruttare le sue qualità in area di rigore. E a sua volta Gabbiadini dovrà cercare palla al limite dell’area per liberare la sua arma letale: il tiro da lontano.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche:

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment