LA STORIA SIAMO NOI/ Napoli-Real Madrid, il San Paolo tremò al gol di Francini. Poi El Buitre eliminò gli azzurri

STORIA CALCIO NAPOLI “Per quanto tu possa essere razionale, ci sarà sempre una favola alla quale finirai per credere”. Il calcio è una di queste. A Napoli, ancor di più. Perché a Napoli il calcio travalica spesso il confine della logica, arrivando a raccontarci storie bellissime, non per forza con il lieto fine. In questa rubrica del lunedì proveremo a ripercorrere i momenti topici del calcio partenopeo, andando a sbirciare dietro le quinte del palcoscenico verde per comprendere a fondo la magia di questo sport tanto amato. Per far capire cosa è il Napoli, cosa rappresenta per milioni di tifosi che di generazione in generazione lo venerano. Con la speranza di tramandare le sue storie, affinché non se ne perdano mai le tracce. Buona lettura.

***********

L’affanno di chi in questi giorni sta cercando disperatamente di comprare un biglietto per Napoli-Real Madrid del prossimo 7 marzo, forse non è nulla in confronto a quanto avvenne nel settembre del 1987. Il Napoli, campione d’Italia, affrontava nel primo turno dell’allora Coppa dei Campioni il Real Madrid di Sanchis, Butragueno, Michel e Martin Vazquez. Uno squadrone forse anche più forte degli attuali Galacticos: non c’era una stella come Cristiano Ronaldo, ma tanti campioni che formavano una compagine durissima da affrontare.

STORIA CALCIO NAPOLI, IL PRECEDENTE CON IL REAL MADRID

Il Napoli riuscì solo a sfiorare l’impresa di eliminare i campioni di Spagna. All’andata, in un Santiago Bernabeu desolatamente a porte chiuse causa una squalifica imposta dall’Uefa, gli azzurri dovettero soccombere a causa di un rigore di Michel e di un autogol di Nando De Napoli. Il 2-0 era un risultato che lasciava poche speranze, anche se con Maradona in campo il Napoli non partiva mai sconfitto. E la sera del 30 settembre, in un San Paolo gremito con 83.827 mila spettatori, gli azzurri guidati da Diego quasi riuscirono nel miracolo.

A Fuorigrotta c’erano davvero tutti. Il prezzo dei biglietti schizzò alle stelle nelle settimane precedenti all’evento, e c’è chi racconta di aver pagato, nonostante il risultato dell’andata, un biglietto di Tribuna anche 400 mila lire: una cifra esorbitante per l’epoca. Il record di spettatori presenti al San Paolo però, non fu abbattuto: ancora oggi è detenuto da quel Napoli-Perugia del 20 ottobre 1979, quando 89.992 spettatori accolsero Paolo Rossi (che aveva rifiutato il trasferimento in azzurro) con bordate di fischi e insulti.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE I PRODOTTI DEL NAPOLI

Ma quel 30 settembre il miracolo non riuscì. Eppure dopo pochi minuti Francini (che all’andata aveva causato il rigore dell’1-0 di Michel) portò in vantaggio il Napoli. Potete solo immaginare cosa accadde al San Paolo: altro che boato per la musichetta della Champions League.

Ma il Real Madrid, da grande squadra, non si scompose più di tanto. E anzi iniziò a macinare gioco, fino a pervenire al pareggio con Butragueño nel finale di primo tempo. La ripresa fu un inutile assalto alla porta di Buyo, il Napoli non riuscì nemmeno a trovare il simbolico gol della vittoria, che pure non avrebbe dato la qualificazione al turno successivo.

Per questo, quando la squadra partenopea è stata sorteggiata con i blancos nello scorso mese di dicembre, sono stati in molti a non vedere solo l’occasione per poter ammirare una squadra di grandi campioni. Perché per chi, quel 30 settembre del 1987, era al San Paolo, il match del prossimo 7 marzo avrà il sapore di una rivincita. Difficile, quasi impossibile. Ma il calcio, si sa, a volte sa scrivere storie molto belle da tramandare…

IL TABELLINO DI QUELLA PARTITA:

Napoli-Real Madrid 1-1

Napoli: Garella; Ferrara, Francini; Bagni, Ferrario, Renica; Careca, De Napoli, Giordano (21’ s.t. Carnevale), Maradona, Romano
Allenatore: Bianchi

Real Madrid: Buyo; Chendo, Solana; Tendillo, Sanchis, Gordillo; Butragueno, Michel, Sanchez, Gallego (6’ s.t. Mino), Martin Vazquez (1’ s.t. Jankovic)
Allenatore: Beenhakker

Arbitro: Pauly (Germania Ovest)

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche:

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment