La storia della maglia azzurra. Scopri colori e tradizioni

Tra storia e passione seguiamo l’evoluzione della maglia del Napoli dal 1926 ad oggi, maglia che per i tifosi partenopei ha sempre rappresentato un qualcosa da onorare e da rispettare con il grandissimo impegno dei calciatori che la hanno indossata.

Al momento della fondazione nel 1926 fu adottata una maglia di colore azzurro con colletto celeste e pantaloncini bianchi. Il colore azzurro venne scelto poichè nel 1926, era il colore di fondo dello stemma della provincia di Napoli. Su tale principio nacque anche il primo simbolo, ovvero il cavallo, simbolo della provincia partenopea. In conseguenza dell’ultimo posto conseguito dal Napoli nella sua prima stagione, i tifosi decisero di sostituire il cavallo con un ciuccio. Da allora l’azzurro è rimasto nella maglia sino ad oggi, mentre è aumentata la presenza del bianco.

Nei primi anni ’80, quando il fornitore tecnico era Ennerre, il Napoli giocava spesso con numerazione nera e pantaloncini neri; nella stagione 1982/83 invece sulle maglie del Napoli, invece del tradizionale stemma, venne stampato un ciuccio stilizzato, in onore al simbolo del sodalizio.

L’unica stagione in cui la squadra napoletana non ha giocato con la casacca tradizionale è stata il 2002-2003, disputato in Serie B. In quell’occasione lo sponsor tecnico Diadora vestì gli azzurri con una maglia a striscie verticali bianco-azzurre in stile Argentina. Nelle ultime partite di quella stagione l’allora presidente Salvatore Naldi per scaramanzia optò per un ritorno al passato e nelle partite decisive per la salvezza il Napoli tornò all’antico (a partire da quella in casa contro la Ternana), indossando le maglie dell’annata precedente. Sia la società  che lo sponsor tecnico non avevano più mute di maglie azzurre. Il sodalizio napoletano fu cosi costretto a chiedere la restituzione di alcune mute, di colore azzurro, ad alcune scuole calcio cui erano state donate. Da notare che a partire dagli anni 2000 il Napoli gioca frequentemente anche con tenute monocromatiche azzurre, tendenza abbastanza diffusa ormai per meglio contrastare le divise delle squadre.

Nella stagione 2007/08 la maglia si può definire un rimando del passato, con un azzurro classico sbiadito che richiama le divise indossate nei primi anni ’80, presentando il simbolo della squadra e un colletto a forma di “V”, con il bianco presente su due “code di topo”, che percorrono la parte anteriore della casacca e sui bordi delle maniche. La seconda maglia è bianca con bordi azzurri mentre la terza è di colore rosso (sempre in memoria degli anni ’80), con pantaloncini blu scuro.

Per la stagione 2008/09 lo sponsor resta la Diadora. La maglia cambia, infatti non c’è più il classico “girocollo” ma viene adottato un colletto in stile “polo”. La prima maglia è come sempre azzurra con pantaloncini bianchi e calzettoni azzurri; la seconda non è più bianca ma rossa, in omaggio alle seconde maglie degli anni ’80, con calzoncini azzurri (o bianchi, a seconda del colore dei calzoncini degli avversari) e calzettoni rossi; la terza divisa, infine, è completamente blu scuro. In queste tre maglie le rifiniture vanno dal collo fino alla manica: nella prima divisa sono bianche, sulla seconda azzurre e color oro sulla terza.

Con l’avvento  della Macron sono arrivate altre novità , la prima divisa dei partenopei sarà  il tradizionale azzurro, mentre la seconda sarà  di un colore inedito, il grigio argento(mai visto sino a quel momento), la terza invece sarà  rossa.

Con il ritorno nelle coppe europee(europa league ex coppa uefa),il napoli oltre alla classica maglia azzurra con numeri e nomi bianchi,torna all’antico rispolverando la seconda maglia bianca,e rimette sul mercato una bella maglia blu scura.

Anno 2011-2012,il Napoli ritorna nella massima competizione europea,gli azzurri sono in CHAMPIONS LEAGUE.

Rinnovato il contratto alla Macron,la maglia subisce notevoli mutamenti,la prima cosa che salta all’occhio,è il doppio sponson.Infatti dopo che la lega,asseconda le richieste del presidente azzurro Aurelio De Laurentiis,i partenopei saranno la prima squadra italiana ad avere sulle maglie l’ormai ”classico” sponsor LETE,accompagnato dal marchio crocieristico MSC crociere. Gli sponsor saranno due!!!

Cambia cosi anche il colore.Azzurro scuro!Che va a ricordare le maglie dell’era Maradona,dove il fornitore era NR. Dove si va ad aggiungere una maglia di colore gialla,simile a quella dell’anno 1995-1996,ed una ”novita”’ di colore accaio,che il napoli usera’ per la Champions league.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche: