La maglia azzurra prima di tutto, basta gossip!

Il calciomercato non è ancora ufficialmente aperto ed è già cominciato un tam tam mediatico attorno al Napoli che alimenta dubbi e curiosità sul futuro della squadra. Più che vere e proprie notizie sportive, sembra quasi che si tratti di gossip. L’incontro chiarificatore tra De Laurentiis e Mazzarri ricorda quello più famoso che si tenne a Teano più di 150 anni fa per questioni ben più importanti. Le voci sulla vita privata di Cavani hanno attirato l’attenzione di media e tifosi più del fatto che molto probabilmente il Matador venga ceduto al miglior offerente. Pare che tutti i riflettori siano puntati su fatti extracalcistici. Il valore della maglia azzurra viene spesso messo in disparte da questioni che vanno al di là del calcio provocando una sorta di distaccamento dalla realtà e mettendo in scena uno spettacolo nello spettacolo che racconta di vicende inesistenti e fomenta ipotesi impossibili. I protagonisti di queste storie sono calciatori, allenatori, presidenti e giornalisti, che sembrano reggersi il gioco a vicenda per raccontare agli amanti del calcio storie fantastiche e romanzate. Per ritornare alla realtà e dare il giusto peso alle cose bisognerebbe fare un passo indietro senza farsi fagocitare dalla vorace dialettica dei media di ogni genere che inventano notizie e alimentano sospetti e malcontento. Bisognerebbe ritornare a guardare alla casacca azzurra come unico elemento d’interesse, la maglia del Napoli dovrebbe ritornare ad essere il simbolo del calcio partenopeo a scapito di tante discussioni futili. Oggi si parla solo di ingaggi, amanti, appuntamenti segreti, intrighi, sembra quasi che il calcio giocato non interessi più a nessuno. Il fatto che il Napoli abbia fatto un campionato straordinario è quasi passato in secondo piano e questo non è giusto. Bisogna tornare con i piedi per terra e e pensare all’unica cosa importante: la maglia azzurra.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Leggi Anche: